Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaEmail

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Ottobre 2017 15:42 Scritto da Administrator Venerdì 02 Giugno 2017 11:57

 

 

 


Nuovo indirizzo della pagina FACEBOOK dell'Associazione CHIETI NUOVA 3 FEBBRAIO

 


www.facebook.com/chietinuova3febbraio


 


 

2 febbraio 1993 - 3 febbraio 2015


Per superare, senza dimenticare, le ragioni che hanno portato ai gravi fatti del 2 febbraio 1993



La democrazia si difende con la democrazia

Loris Campetti


Il Manifesto, 19-X-2011

 


Soltanto la giustizia e la cultura potranno salvare l'Italia e gli Italiani

Enrico Di Nicola

 

www.uominicontro.it


 


Perché questo libro è un cambiamento d’epoca

In edicola con il manifesto «Terra, casa, lavoro. Discorsi ai movimenti popolari» di papa Francesco. Un libro edito da Ponte alle Grazie curato da Alessandro Santagata. Introduzione di Gianni La Bella.

Terra Casa Lavoro. Un editore laico e un giornale comunista per nulla turbati di veicolare il sogno di un papa argentino, ma pur sempre romano, e senza il rischio di perdere la loro laicità
Alle «cose mai viste» prodotte dal pontificato di Francesco si aggiunge ora la diffusione urbi et orbi dei tre discorsi del papa ai movimenti popolari ad opera di una casa editrice laica e di un giornale con una tradizione militante come quella de il manifesto.
Vi è in questa proposta editoriale un’intuizione informativa straordinaria, perché nel mare di scritti e discorsi di papa Francesco estrarre e mettere insieme quei tre discorsi significa aver colto l’evento nell’evento, ovvero il senso complessivo del suo ministero: perché in quei discorsi non ci sono solo terra casa e lavoro, c’è la sua visione del mondo, struttura e sovrastruttura.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Raniero La Valle, (Il Manifesto, 12-X-2017)



Convegno su nuove destre e nuovi populismi a Lanciano

LANCIANO. Mercoledì 4 ottobre, alle 17, tra le manifestazioni che celebreranno le Giornate in ricordo della Rivolta Lancianese del 5 e 6 ottobre 1943, verrà svolto un convegno su “Nuove Destre Nuovi Populismi” al Polo Museale Santo Spirito di Lanciano. L’iniziativa, promossa da L’Altritalia, Il piccolo resto e l’ANPI, ha il patrocinio del Comune di Lanciano. I relatori saranno Giuseppe Bellelli, Procuratore della Repubblica del Tribunale di Sulmona; Antonello Canzano, docente di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali dell’Università D’Annunzio di Chieti e Roma Tre; Luca Prosperi, presidente A.N.P.I. prov. di Pescara; Maddalena Gretel Cammelli, antropologa; Stefano Zenni, musicologo. A moderare gli interventi sarà Maria Teresa Giusti, docente di Storia Contemporanea all’Università D’annunzio.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Irene Giancristofaro, 2-X- 2017. www.lanciano24.it



Stop fiscal compact
Firma la PETIZIONE

(www.stopfiscalcompact.it)

A fine 2017, il Fiscal Compact (Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria), potrebbe essere inserito a pieno titolo nell’ordinamento europeo, divenendo giuridicamente superiore alla legislazione nazionale e rendendo irreversibili le politiche liberiste d’austerità.
Approvato nel marzo 2012 da 25 dei 28 Stati membri dell’Unione Europea, il Fiscal Compact si colloca nel solco di una serie di trattati e regolamenti -Maastricht, Six Packs, Two Packs- che hanno impresso una svolta monetarista all’Unione Europea e hanno consentito l’affermarsi delle politiche liberiste, con un drastico peggioramento delle condizioni di vita delle popolazioni.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Marco Bersani , Il Manifesto, 23-IX-2017



Dialoghi sulle Procure
Prospettive tra autonomia e regole


Venerdì 29 settembre 2017
AURUM – Largo Gardone  Riviera - Pescara


Ore 9,15 SALUTI DELLE AUTORITÀ


Ore 9,30 PRIMA TAVOLA ROTONDA


coordinata dal Consigliere del C.S.M. Lucio Aschettino sui seguenti temi:
Rapporti tra Procuratore della Repubblica e Sostituti; ruolo dei Procuratori Aggiunti;
rapporti con la polizia giudiziaria; criteri di priorità nella trattazione dei procedimenti;
ruolo della magistratura onoraria e costituzione dell’Ufficio del processo nelle Procure.


Partecipano

Fabrizia Francabandera - Presidente Corte d’Appello di L’Aquila
Francesco Menditto - Procuratore della Rebubblica di Tivoli
Gaetano Paci - Procuratore Aggiunto di Reggio Calabria
Fabrizio Vanorio - Sostituto Procuratore di Napoli

(continua nella sezione Rassegna stampa)



Riceviamo dalla professoressa Marina Campana Magno e pubblichiamo:

  • Nella prima decade di ottobre ci sarà l'inaugurazione della parte nuova del  Tribunale e l'intitolazione ufficiale della sala all'avv. Galliano Magno con la presentazione della mostra permanente (ma anche itinerante)  composta da 23 pannelli che illustrano tutti  documenti attualmente disponibili negli archivi riguardanti Galliano Magno. Il lavoro, curato dalla Soprintendenza ai beni Archivistici e Culturali di Pescara e in particolare dalle Dr.sse  Spinozzi, Toraldo e Ranalli, in collaborazione con lo storico Prof. Filippo Paziente, sarà ospitata in locali dedicati adiacenti all'aula Galliano Magno. Tutto il lavoro è digitalizzato e potrà essere riversato nel Museo digitale su Matteotti, proposto dall'On Sen. Nencini, già approvato da Senato e Camera e ora tornato al Senato con l'ODG dell'On. Maria Amato che ha proposto di inserire anche Magno negli argomenti attinenti a Matteotti. La camera ha approvato.

Nelle giornate dedicate alla legalità, ma anche in altri periodi da concordarsi, le scolaresche potranno visitare la mostra dedicata all'avvocato di Matteotti. Auspico anche che qualcuno possa convincere i professori di storia contemporanea dell'Università ad assegnare una tesina di ricerca su Galliano Magno agli studenti interessati: a Roma c'è ancora parecchio da vedere presso archivi e fondazioni!

Marina Campana Magno



“La vita in comune” di Edoardo Winspeare


La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia


Ancora il sole e il mare della Puglia a fare da sfondo al film del regista salentino Edoardo Winspeare in concorso alla 74esima Mostra del cinema di Venezia nella sezione Orizzonti.
Il contesto de La vita in comune è la silenziosa miseria culturale di certi nostri paesini del Sud dove la gente immobile nel sole abbagliante delle piazze deserte, sembra nutrire un vuoto interiore immenso laddove invece, spesso, nasconde e pulsa di inquietudine e sogni.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Simonetta Rubino magistrato, Bari, Questione Giustizia



*Il sonno della ragione genera mostri

Il monito di Brecht "i tempi erano oscuri perché loro hanno taciuto" mi è venuto in mente dopo aver letto ieri l'incredibile titolo di un quotidiano sul caso della bambina morta di malaria. (“Dopo la miseria portano malattie”)
La vicenda mi ha fatto anche ricordare i primi minuti di un film della propaganda nazista dal titolo "l'ebreo errante".

Ho rintracciato il documento su Youtube i cui primi dieci minuti sono molto indicativi.
Lo metto a disposizione: https://youtu.be/_okkDPI3c-U

Ciò posto, mi chiedo se, al di là delle valutazioni penali su alcuni eventi, non vi sia anche la necessità che la magistratura si esprima, come associazione, sul significato inaccettabile di certa comunicazione.
Ho trovato ipocrita e debolissima la presa di distanza di qualche giornalista da parole, frasi, metodi propagandistici che sono la negazione assoluta di quella civiltá occidentale che costoro vorrebbero difendere.
Anche perché, poi, sono gli stessi giornalisti che consentono a quei "maestri" di fare opinione in trasmissioni che vorrebbero essere di approfondimento politico e culturale.
Mi domando dove siano e cosa facciano, di fronte al bombardamento dei pilastri minimi dell'educazione, i c.d. "intellettuali, i "romanzieri di successo", prontissimi h24 a promuovere i loro libri, i loro spettacoli, ma sostanzialmente silenti davanti all'inquinamento della formazione dei cittadini.
Mi chiedo, con Brecht, se si debba accettare tutto ciò, tacendo e assuefacendosi all'idea che la libertà di espressione non incontri alcun limite.
Mi chiedo se ci possa rassegnare a società sempre più sofistica, che relativizza i concetti di bene e male, che dimentica che la distinzione tra di essi esiste e la si deve trovare attraverso il pensiero, non sollecitando le pulsioni peggiori.
Si può decidere di non partecipare più a occasioni pubbliche, anche televisive, in cui siano presenti coloro che incitano all'odio, alterano le notizie, mistificano la realtà per fini evidenti a chi abbia un minimo di capacità critica.
Ma penso sia soprattutto necessario prendere posizione riconoscibile, chiara e distinta a favore dei giovani e di chiunque non si rassegni a una deriva sempre più spaventosa.

Francesco Messina, giudice Trani

*Francisco Goya, pittore spagnolo, 1747 - 1828



La lettera di Abraham Lincoln all’insegnante di suo figlio, 1830

MILANO –Abraham Lincoln  fu un politico e avvocato statunitense e il 16esimo presidente Usa, il primo appartenente al partito repubblicano. Pose fine alla schiavitù con la ratifica del XIII emendamento della costituzione a stelle e strisce nel 1865. Questa è una celebre lettera che Lincoln inviò all’insegnante di suo figlio il primo giorno di scuola. Dalla lettera emerge l’importanza data alla figura dell’insegnante e alla formazione, dove la scuola si eleva a guida fondamentale per un individuo. Di seguito, la lettera completa tratta da Orizzonte Scuola.

“Il mio figlioletto inizia oggi la scuola: per lui, tutto sarà strano e nuovo per un po’ e desidero che sia trattato con delicatezza. È un’avventura che potrebbe portarlo ad attraversare continenti, un’avventura che, probabilmente, comprenderà guerre, tragedie e dolore. Vivere questa vita richiederà Fede, Amore e Coraggio. Quindi, maestro caro, la prego di prenderlo per mano e di insegnargli le cose che dovrà conoscere. Gli trasferisca l’insegnamento, ma con dolcezza, se può.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Libreriamo, 3-V- 2016



Di che cosa parliamo quando parliamo di beni comuni?

Non può sfuggire all’interesse di una Rivista come Questione Giustizia un tema controverso e stimolante (fino alla più urticante polemica) come quello dei “beni comuni”. Tema difficile a partire dalla definizione del suo oggetto, dall’individuazione dei contenuti a cui associarlo, sino alla costruzione di una condivisibile prospettiva di tutela. Ma noi abbiamo l’ambizione, e forse la spericolatezza, di metterlo qui al centro della nostra discussione, facendo sedere intorno al nostro tavolo virtuale alcune delle voci dottrinarie tra le tante che ne hanno più di recente fatto oggetto di studio, e di proposta, provando a sfuggire alla logica di schieramento (pro-contro) per aprire invece uno spazio di analisi, e di utile discussione.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Rita Sanlorenzo, magistrato, Questione Giustizia

 


“Abruzzo terra di conquista per la ‘ndrangheta”


(23/08/2017 - 13:42)
(ACRA) - "Quelli che fino alla scorsa relazione semestrale venivano indicati come segnali, per quanto qualificati, di una presenza delle cosche in Abruzzo e in Molise, grazie alle evidenze investigative raccolte nel semestre con l'operazione 'Isola Felice' sono diventati importanti tessere del mosaico espansionistico della 'ndrangheta verso regioni solo all'apparenza meno 'appetibili'. L'operazione in parola è stata conclusa, nel mese di settembre del 2016, dall'Arma dei Carabinieri con l'esecuzione di una misura cautelare a carico di 25 soggetti, facendo piena luce sull'operatività del gruppo Ferrazzo di Mesoraca, nel Crotonese, in Abruzzo e in Molise".

(continua nella sezione Rassegna stampa)


 


E
cco perché il liceo classico non deve morire

Formare le menti o le nuove professioni chieste dal mercato? La riforma della scuola si avvicina e riaccende il dibattito sui licei. Tra citazioni dotte e battute al vetriolo

Maledetto liceo classico. Tutta colpa sua: il degrado del Paese, l’inconcludenza dei politici, la poca competitività delle aziende, la credulità della gente... Tutti i mali d’Italia nascono da qui. Anche se ormai lo sceglie solo il sei per cento degli studenti (e per la maggioranza ragazze, statisticamente destinate più a una carriera da insegnanti che a manovrare le leve del potere) è comunque considerato la fucina delle élite intellettuali di un Paese che ormai, delle élite e degli intellettuali, pensa di poter fare una sola cosa: rottamarli.
Benedetto liceo classico. È l’anima dell’Italia migliore. Prepara alle professioni del futuro (Umberto Eco), insegna a ragionare e a resistere (Luciano Canfora), e questo perché grazie alle “lingue morte” propone veri “ problemi da risolvere ” e non semplici “esercizi da eseguire” (Dario Antiseri). Gli dobbiamo gran parte di quello che di buono ha ancora l’Italia: da Fabiola Gianotti a Daniele Dorazio , fisico incompreso chiamato dal Cern, ma bloccato dal suo liceo di Brindisi, ben più del sei per cento degli italiani che fanno fortuna all’estero hanno in tasca una maturità classica.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Angiola Codacci-Pisanelli, Espresso, 17 novembre 2014



Giorgio Vallortigara: "La matematica è un istinto che abbiamo tutti"


Tutti abbiamo il "senso del numero". E i professori devono imparare a sfruttarlo. La parola al professore di neuroscienze e direttore del centro Mente-Cervello di Trento.


Sull’utilità dello studio dell’informatica avrà dei dubbi chiunque ricordi, come il pedagogista Benedetto Vertecchi, «le ore e ore passate a spaccarmi la testa sul Basic. Negli anni Settanta, se non sapevi il Basic eri un analfabeta». Chi, come lui, si occupa di pedagogia da decenni sembra convinto che per ridare forza alla scuola italiana basterebbero progetti piccoli e mirati piuttosto che importare modelli altrui. O riscoprire la capacità di scrivere: nel progetto “ Nulla dies sine linea ” («ogni giorno una riga: una frase di Plinio che riprendeva però un pittore, Apelle», spiega Vertecchi) si è chiesto a bambini di terza, quarta e quinta elementare di scrivere ogni giorno, a mano e in corsivo, un componimento di poche righe. Con risultati clamorosi che saranno presentati il 28 novembre. «Ci vuole poco a recuperare un po’ di quella ricchezza lessicale e di quella capacità di argomentazione che in quarant’anni ho visto peggiorare drammaticamente», commenta Vertecchi. 
Anche la matematica probabilmente dovrebbe cambiare sistema, come sostiene Giorgio Vallortigara . Quanto al diventare “cool”, all’esortazione di Serra anche lo studente italiano più svogliato saprebbe rispondere parafrasando uno dei pochi versi della Divina Commedia che ancora oggi tutti ricordano a memoria: quello sul diavolo Barbariccia che «avea del cool fatto trombetta».



Migranti, chi infligge colpi mortali al codice morale


Ong. Non era ancora accaduto, nel lungo dopoguerra almeno, in Europa e nel mondo cosiddetto «civile», che la solidarietà, il salvataggio di vite umane, l’«umanità» come pratica individuale e collettiva, fossero stigmatizzati, circondati di diffidenza, scoraggiati e puniti.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Marco Revelli,  Il Manifesto, 8-VIII-2017


 


2 agosto 2017 – 2 agosto 1980

37° anniversario della strage alla stazione di Bologna

85 morti e 200 feriti



Ex biblioteca De Meis: un nuovo spazio culturale e 40 parcheggi in arrivo

In centro la biblioteca De Meis diventerà un contenitore culturale. Ad oggi, per il recupero degli spazi ancora fruibili dopo il crollo avvenuto nella notte tra il 3 e il 4 giugno 2005, sono stati spesi 530 mila euro. Mancano 300 mila euro per terminare i lavori, di questi, 180 mila posso essere recuperati da un fondo Cipe, altri sono da individuare in altre risorse regionali. Il Governatore della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso, in una recente visita sul cantiere il 22 luglio, si è impegnato per restituire alla città uno spazio di 600 mq in tre livelli in tempi brevi. Saranno ricavati anche 40 nuovi parcheggi.(???)

Potrebbe interessarti: http://www.chietitoday.it/video/biblioteca-de-meis-progetti-parcheggi.html

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/ChietiToday/252983314738998



La lezione di Rita Atria, la ragazza che disse no alla schiavitù della mafia*

Don Luigi Ciotti il 26 luglio 2017

Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Rita nasce a Partanna, in provincia di Trapani, da una famiglia di mafia. Il padre Vito, piccolo boss locale, viene ucciso nel 1985 e Rita, che ha solo undici anni, riversa il suo affetto su Nicola, il fratello maggiore. Ma anche Nicola segue la strada paterna, nonostante la moglie Piera, di famiglia onesta, faccia di tutto per dissuaderlo. Traffica droga, sgomita per emergere ma pesta i piedi di chi è più potente di lui. Viene ucciso nel giugno del 1991. La moglie Piera diventa testimone di giustizia e viene trasferita altrove sotto protezione. Rita è una ragazza di diciassette anni, sensibile, sveglia, due grandi occhi animati da un bisogno febbrile di capire, di fare chiarezza fra sentimenti contrastanti: da un lato la famiglia, il mondo dove è nata e cresciuta, dall’altro il rifiuto — il rigetto ormai — di quei codici, di quei vincoli.

(continua nella sezione Rassegna stampa) La Repubblica 26.07.2017



Una casa per la sinistra sommersa, ma senza Pd

L’analisi di Massimo Giannini sulla sinistra divisa e minoritaria è, come sempre, impietosamente lucida. Eppure credo che non sia l’unica lettura possibile.

Essa appare, ed è, realistica, se diamo per scontato, come sempre si fa, un dato di fondo: e cioè che i rapporti di forza tra destra, sinistra e pentastellati siano, sul breve periodo, stabili. Ma se proviamo a pensare che cambi la base elettorale attiva, anche questo scenario può cambiare. In altre parole, Giannini fa quello che fanno i leaders di tutti i partiti: dà per scontato che continuerà a votare circa la metà del Paese. E che l’altra metà sia sostanzialmente perduta alla vita della democrazia italiana.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Tomaso Montanari  MicroMega online, 24 Luglio 2017



Salvatore Settis / La città come teatro della democrazia

Se lo spazio urbano è sempre più terreno di speculazioni e politiche di marginalizzazione sociale, il libro “Architettura e democrazia” di Salvatore Settis ci ricorda come invece dovrebbe essere: “Il diritto alla città include, riassume e rilancia un orizzonte dei diritti civili che ci riguarda da vicino, perché interroga la nostra concezione della società”. E l’architetto in questo ha un ruolo fondamentale come garante della Costituzione che nell’art. 9 tutela il paesaggio e il patrimonio storico-artistico della Nazione.

È un errore comune: considerare il “paesaggio” semplicemente come un territorio da ammirare per la bellezza. Così pensare che l’architetto abbia solo il dovere di migliorare uno spazio rispettando determinati standard edonistici. Non è così. Nell’era delle speculazioni fondiarie, delle rendite e delle cementificazioni selvagge, l’architetto nella società d’oggi ha un’altra funzione. Di tipo sociale. E lo stesso paesaggio assume un’altra valenza, oltre a quella estetica, diventando – o, meglio, bisogna lavorare affinché diventi – il teatro della democrazia perché capace di incarnare valori collettivi. Da vivere e non solo da vedere.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Giacomo Russo Spena, MicroMega online, 20 Luglio 2017



L'intervista a Pignatone: "non ho una concezione agonistica della giustizia"

ROMA. Il Procuratore di Roma Giuseppe Pignatone si è preso una notte. "Perché le cose si vedono meglio con la testa fredda".

(continua nella sezione Rassegna stampa)



Il 19 luglio 1992, muoiono Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina: una Fiat 126 imbottita di tritolo, parcheggiata in via D’Amelio, sotto l’abitazione della madre, esplode al passaggio del magistrato. L’agenda rossa, che Paolo Borsellino portava con sé,  non è stata mai ritrovata.

Consiglio Superiore  della Magistratura

18 luglio 2017
Verso i 25 anni dalla strage di via D’Amelio


Il 16 luglio 1988 Paolo Borsellino partecipa ad una tavola rotonda organizzata ad Agrigento per la presentazione di un volume dal titolo “La mafia di Agrigento”.
Nel libro venivano pubblicati gli atti istruttori e l’ordinanza di rinvio a giudizio emessa nei confronti dei componenti delle cosche agrigentine.
Alla tavola rotonda intervenivano, tra gli altri, l’on. Luciano Violante, l’ex componente del Csm, avv. Alfredo Galasso ed il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.
Nel suo intervento, Paolo Borsellino, sottolinea come il successo delle indagini agrigentine era stato possibile grazie allo stretto collegamento con il pool di Palermo, quasi che lo stesso fosse stato “una propaggine degli uffici agrigentini” e sottolineava, non senza una certa dose di amarezza, che quel “pool sembrava perdere quella indispensabile funzione di centralità nelle attività investigative su Cosa Nostra” a causa della difficoltà in cui si era venuto a creare dopo il cambio di direzione.
L’intervento fu svolto a braccio, sulla scorta di alcuni appunti autografi del magistrato, poi “utilizzati” nelle conversazioni con i giornalisti de “La Repubblica e de “L’unità” ai quali Paolo Borsellino “consegnò” le sue ansie, le sue preoccupazioni.
Come noto, quelle pubbliche prese di posizione, diedero origine all’attività dell’Ispettorato generale del Ministero e del Consiglio superiore, e quei documenti furono poi annessi agli atti dell’audizione del 31 luglio 1988 svolta avanti alla Commissione Antimafia del Csm.
Quegli appunti, ed alcuni altri significativi atti, vengono oggi per la prima volta pubblicati in rete, e sono tra quelli che compongono il volume “L’antimafia di Paolo Borsellino”, curato dal Consiglio Superiore della Magistratura, che verrà presentato a margine dell’assemblea plenaria di domani, 19 luglio, presieduta dal Presidente Sergio Mattarella, in occasione dell’anniversario della strage di via D’Amelio.



La vera posta è convincere chi dice «sono tutti uguali»


Caro direttore,come a Wimbledon si vince sul campo e la teoria della rottamazione si conferma una boiata alla Fantozzi.
Un bel contributo le paginone del Manifesto di sabato 8 luglio, con i diversi apporti. Ci sarebbero stati bene anche Bersani e Pisapia, ispiratori fondamentali della nuova e diversa prospettiva di un centro sinistra di governo e fortemente innovatore in ogni campo. Non servono vecchi schematismi, vecchie bandiere e nostalgie del passato.
Come non serve un nuovismo di maniera o un movimentismo senza costrutto. Cosa diversa studiare e comprendere la propria e l’altrui storia , i valori e gli insegnamenti che può tramandarci.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Nuccio Fava, Il Manifesto, 12-VII-2017



“In Calabria dipendenti pubblici più pericolosi della ’ndrangheta”

La denuncia del procuratore Gratteri. Il governatore Oliverio: è vero.
I colletti bianchi sono diventati più pericolosi delle coppole. Per il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, «prima ancora della politica e della ’ndrangheta, il problema della Calabria sono i quadri della pubblica amministrazione». Dopo aver seguito gli ’ndranghetisti nelle boscaglie dell’Aspromonte durante la stagione dei sequestri di persona, ricostruito le rotte del narcotraffico fino al Sudamerica, ora il magistrato, che da quasi trent’anni vive sotto scorta, punta su chi siede sulle comode poltrone degli uffici appena inaugurati della Cittadella regionale.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Gaetano Mazzuca, La Stampa, 10-VII-2017



Tra i banchi delle nuove scuole che seguono le tracce di don Milani


Ho deciso di festeggiare i 50 anni della pubblicazione di Lettera a una professoressa andando a visitare alcune scuole. Scuole, a volte soltanto virtuali, dove si fa ciò che sarebbe piaciuto al burbero priore di Barbiana: scuole un po’ strane, né pubbliche né private, scuole senza voti né bocciature, dove s’insegna a tutti, ricchi e poveri, italiani e immigrati, non “un ospedale che cura i sani e rifiuta i malati, per usare le famose parole di don Milani.
Scuole dove chiunque ha lo stesso diritto all’eccellenza, proprio perché s’insegna là dove sembra impossibile farlo: si fanno corsi di scrittura creativa a ragazzi che non hanno mai letto un libro, s’insegna italiano a migranti che sono spesso analfabeti nella loro lingua madre, s’insegna filosofia ai bambini delle elementari. Ma chi sono oggi i ragazzi di Barbiana? Non è facile rispondere. Sono gli immigrati? I ragazzi delle periferie? I carcerati?

(continua nella sezione Rassegna stampa) Valentina Pigmei, Internazionale,  11-VII-2017



Piero Calamandrei diceva:
«Le formule costituzionali rimangono vive finché vi scorre dentro, come il sangue nelle vene, la forza politica che le alimenta; se questa viene meno, si atrofizzano e muoiono di sclerosi».
Forse è questa la vera sfida politica del futuro: non far atrofizzare i principi costituzionali, fino a farli morire di sclerosi, ma vivificarli con la forza politica che li alimenta, o dovrebbe alimentarli.



Intercettazioni, quella delega che “sottrae” al Parlamento la competenza sui diritti fondamentali. La lezione di Rodotà

Sottrarre alla trasparenza del procedimento parlamentare la disciplina sulle intercettazioni (che tocca diritti fondamentali come privacy e libertà di informazione) e «consegnare la delega a una Commissione ministeriale, sia pure di luminari, che lavorano nell’oscurità, senza che si sappia, giorno per giorno, che cosa stanno dicendo, crea un vulnus perché si mettono le mani sulla prima parte della Costituzione dicendo invece che la prima parte è intangibile»
«Sta accadendo una cosa molto grave: i diritti fondamentali vengono affidati alla delega, passano cioè nelle mani del Governo, mentre spettano alla piena competenza del Parlamento e alla possibilità di un controllo da parte dell’opinione pubblica».

(continua nella sezione Rassegna stampa) Donatella Stasio, Questione Giustizia, Controcanto, 30-VI-2017



Riina, la suprema Corte e lo Stato di diritto
di Riccardo De Vito
Magistrato di sorveglianza, Tribunale sorveglianza di Sassari

Fondamentale, anche, il riferimento all'idoneità delle strutture di detenzione: Dap e Asl, come viene acutamente rilevato (F. Gianfilippi), devono garantire livelli di assistenza tanto più alti quanto più vogliono evitare la fuoriuscita dal circuito detentivo dei soggetti più pericolosi.

La sentenza nei confronti di Totò Riina ci ricorda che per la Costituzione non c'è persona, terrorista o mafiosa che sia, che possa essere privata del nucleo fondamentale dei diritti umani
La sentenza che pubblichiamo tratta la questione complessa del differimento della pena carceraria (eventualmente sostituibile con la detenzione domiciliare) nei confronti del condannato affetto da grave infermità fisica (artt. 146 e 147 cod. pen.).
Non lo fa con riferimento a un condannato qualsiasi.
Il detenuto in questione è Totò Riina, il capo di Cosa Nostra, il boss sanguinario, il 41 bis per eccellenza. La pronuncia tocca quindi un nervo scoperto della civiltà giuridica e del garantismo, e in questo senso si capisce l'ondata emotiva suscitata.

(continua nella sezione Rassegna stampa)



Un’alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza


Il 18 giugno a Roma. È necessario uno spazio politico nuovo, ci vuole una sinistra unita e una sola, grande lista di cittadinanza aperta a tutti: partiti, movimenti, associazioni, comitati
Siamo di fronte ad una decisione urgente. Che non è decidere quale combinazione di sigle potrà sostenere il prossimo governo fotocopia, ma come far sì che nel prossimo Parlamento sia rappresentata la parte più fragile di questo Paese e quanti, giovani e meno giovani, in seguito alla crisi, sono scivolati nella fascia del bisogno, della precarietà, della mancanza di futuro e di prospettive. La parte di tutti coloro che da anni non votano perché non credono che la politica possa avere risposte per la loro vita quotidiana: coloro che non sono garantiti perché senza lavoro, o con lavoro precario; coloro che non arrivano alla fine del mese, per stipendi insufficienti o pensioni da fame.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Anna Falcone, Tommaso Montanari, Il Manifesto, 6-VI-2017


 


COMUNICATO

L’associazione Chieti nuova 3 febbraio, in collaborazione con Unitre-Chieti, Archivio di Stato di Chieti, Istituto Tecnico “F. Galiani – R. de Sterlich”, Liceo Classico “G. B. Vico”, Istituto di Istruzione Superiore “Luigi di Savoia”, Istituto Professionale “U. Pomilio”, Camera di Commercio di Chieti, nel settantunesimo anniversario della nascita della Repubblica Italiana,

promuove, Lunedì 29 maggio 2017, a conclusione della XVII edizione del progetto Il Calendario della Repubblica-Il Dovere della Memoria, due incontri sul tema Le donne nella Repubblica-la conquista dei diritti, in cui gli studenti sono protagonisti:

il primo appuntamento, alle ore 10.30, nell’aula magna I.T.C.G.“F. Galiani”, prevede l’intervento di Eide Spedicato, già docente di Sociologia Generale-Università degli Studi “G. D’Annunzio”- Chieti-Pescara, e delle alunne dell’I.T.C.G. “Galiani-de SterlichMiriana Biondi, Marcella Caramanico, Alessia Desiderio, Ludovica Nicolosi, guidate dalle docenti Giuseppina Cifani, Lucia Fratturelli, con il coordinamento della Preside professoressa Candida Stigliani; ogni Scuola coinvolta partecipa con una rappresentanza di studenti; le studentesse dell’I.I.S. “U. Pomilio” Donatella Celso, Valentina Cafarelli, Giorgia Montebello, Claudia Palanza, Alessia Rebba indosseranno “gli abiti della Repubblica” e sfileranno lungo corso Marrucino;

il secondo appuntamento, alle ore 12,00, presso la Bottega d’Arte della Camera di Commercio, prevede l’inaugurazione della Mostra dei vestiti del dopoguerra, dagli anni Quaranta agli anni Settanta, a cura dell’I.I.S. “U. Pomilio”. Hanno realizzato la mostra le docenti Marta Di Biase, Maria Assunta Narciso, Giovanna Perfetti, l’assistente tecnica Franceschina Di Cristofaro, con il coordinamento della Preside professoressa Anna Maria Giusti.

La mostra rimarrà aperta dal 29 maggio al 3 giugno con il seguente orario: ore 11,00-13.00; ore 18,00-19.30.

L’INGRESSO è LIBERO.

Si ringrazia Sandro Ferrone, corso Marrucino, 47-Chieti, per il prestito di alcuni manichini. _____

La XVII edizione del progetto Il Calendario della Repubblica-Il Dovere della Memoria, dedicata al cammino delle donne verso la conquista dei diritti, attraverso la riflessione sulla condizione della donna nel periodo storico che va dal fascismo alla Resistenza e alla Repubblica, vuole contribuire a favorire un processo di conoscenza e di consapevolezza, che deve diventare coscienza critica. Per poter contrastare ogni giorno la mancanza di rispetto per la persona, la perdita della relazione con l’altra/o, i pregiudizi, la brama di potere e di dominio, è indispensabile che il problema della differenza donna/uomo sia visto e vissuto in una prospettiva culturale nuova di educazione civile alla conquista della Memoria collettiva e all’impegno a tradurre, nei comportamenti quotidiani, i diritti conquistati.

La scelta di concludere la diciassettesima edizione con la mostra degli abiti del dopoguerra nasce dalla volontà di delineare le conquiste attraverso lo strumento privilegiato della moda, espressione, “segno” dei cambiamenti avvenuti nel contesto storico del dopoguerra, nella concezione del mondo.

Info: wwwchietinuova3febbraio.it; facebook.com/chietinuova3febbraio



LA FRASE DEL GIORNO di GIOVANNI FALCONE

"Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche ed incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare. Ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare." La tecnica della Scuola

Strage di Capaci: Il 23 maggio 1992 la mafia uccide il magistrato Giovanni Falcone che cinque anni prima, con il maxiprocesso, ha inflitto alla mafia la prima sconfitta da quando esiste. Con Giovanni Falcone muoiono la moglie Francesca Morvillo, magistrato, i tre agenti della Sua scorta, la “Quarto Savona 15”, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo.



Prima della bomba di Capaci

di Piergiorgio Morosini
Componente del Consiglio superiore della magistratura

Recensione al volume di Giovanni Bianconi L’assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone (Einaudi – Stile Libero Extra, 2017)

1. «Non c’è tempo da perdere, bisogna mettere da parte le guerre tra il Csm, l’Anm, il guardasigilli, i partiti. Cosa Nostra delinque senza soste, mentre noi litighiamo senza soste». A quattro giorni dalla strage di Capaci, Giovanni Falcone affida ad un giornalista partenopeo parole drammatiche e premonitrici. Lo fa a commento dei segnali di ferocia mafiosa che si andavano intensificando nella primavera del 1992. Segnali che in Sicilia si erano già materializzati negli omicidi eccellenti del parlamentare Salvo Lima e del maresciallo Guazzelli, dando l’avvio ad una stagione di attentati che rendeva ancor più convulsa la delicata transizione politico-istituzionale del nostro Paese.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Questione Giustizia, 22-V-2017



CRIMINALITA ORGANIZZATA

Enciclopedia Italiana - IX Appendice (2015)

di Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. - La rete strutturale e organizzativa delle mafie. Capacità relazionale e ricerca del consenso. Capacità organizzativa e costruzione culturale-ideologica. Capacità imprenditoriale e uso della violenza. L’aspetto normativo. I patrimoni delle mafie e la gestione dei beni sequestrati. Commissioni per lo studio di nuove norme.

(continua nella sezione Rassegna stampa)



XXIV Corso di Educazione alla Legalità nelle Scuole Medie - a. s. 2016-2017

Mercoledì 10 maggio 2017, ore 9.30, Auditorium Scuola Media “G. Chiarini” – Chieti,

conclusione del XXIV Corso di Educazione alla Legalità - a. s. 2016-2017, promosso e realizzato dalla Sezione Distrettuale Abruzzese dell’Associazione Nazionale Magistrati e dall’Associazione Chieti nuova 3 febbraio

Tema del Corso Non cadere nella Rete – internet e i diritti della persona”


Intervengono i magistrati Giuseppe Bellelli, Angelo Bozza, Alessandra De Marco, Angelo Zaccagnini, la dirigente del compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni – Abruzzo Elisabetta Narciso.

L’incontro prevede l’introduzione dei magistrati e della dirigente della Polizia Postale, la proiezione degli elaborati prodotti dalle singole scuole, la premiazione delle scuole e degli studenti.

Hanno partecipato al XXIV Corso le Scuole Medie di CHIETI V. Antonelli, G. Chiarini-C. De Lollis, Convitto Nazionale “G. B. Vico” ; di FARA FILIORUM PETRI - sedi di Casacanditella, Casalincontrada, Roccamontepiano; di FRANCAVILLA AL MARE, F. Masci; di ORTONA, Fonte Grande, n.1, via Mazzini n. 2; di RIPA TEATINA-Torrevecchia Teatina M. Buonarroti; di SAN GIOVANNI TEATINO G. Galilei

Il Corso si è articolato da novembre a maggio nel seguente modo: lezioni introduttive agli alunni da parte dei docenti; visione, nelle classi, del film “Cyberbully” con la guida dei docenti e conseguenti riflessioni tra gli studenti e i docenti; conversazioni dei magistrati nelle Scuole nei mesi di febbraio e marzo; pomeridiani incontri informativi per docenti e genitori con l’intervento di Roberto Leombroni, docente di Storia e Filosofia; svolgimento dell’elaborato finale.

Sono intervenuti nelle scuole i magistrati G. Bellelli, A. Bozza , D. Capezzera, V. D’Agostino, L. D’Arcangelo, L. Del Bono, M. D’Eramo, A. De Marco, A. Di Berardino, G. Falasca, A. R. Mantini, N. Valletta, A. Zaccagnini.

L’idea di proporre e di organizzare corsi di Educazione alla Legalità nelle Scuole è nata nel 1994, ad opera della sezione Abruzzese dell’Associazione Nazionale Magistrati e dell’associazione Chieti nuova 3 febbraio, con l’intento di riaffermare il ruolo della Scuola nella società democratica come luogo della formazione della cultura Costituzionale ed Istituzionale.

Infatti, compito della Scuola è promuovere una vera autentica azione culturale e far crescere nella coscienza del giovane l’ansia di Giustizia e il rispetto della Legge, realizzando un rapporto corretto tra Istituzioni, tese, entrambe, pur in modi diversi, a recuperare il senso dello Stato, la cultura delle regole.



25 aprile, quando penso che non serva festeggiarlo penso a Emanuele Artom

Con le armi in mano e con i libri in tasca.

La guerra finita il 25 aprile del 1945 è stata combattuta così, almeno da quelli che non solo volevano vederla finire, ma che si preoccupavano anche che non ricominciasse, che non si portasse dietro ancora tanti anni di fascismo nascosto nella democrazia. C’erano più fascisti al potere nel 1950 che nel 1930. Erano quelli che avevano preso i tanti piccoli o grandi posti di comando durante il ventennio. Bisognava cambiare il paese anche con i libri. Bisognava insegnare che si può vivere in un altro modo.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Ascanio Celestini, 25-IV-2017

 


La scomparsa degli Archivi di Stato, così l’Italia distrugge la sua storia

Il 94 per cento dei dirigenti archivisti ha più di cinquant’anni, il 66 per cento ha superato i sessanta. Tra poco andranno in pensione. E senza archivi gli storici non possono lavorare.

L’Italia è un Paese che rischia di perdere la memoria. Un passato collettivo scritto nero su bianco e conservato negli oltre cento Archivi di Stato. Fascicoli su fascicoli, milioni di documenti, custoditi da funzionari che tra pochi anni andranno quasi tutti in pensione. Nelle 101 strutture preposte sono conservati 1.600 chilometri di scaffalature. A gestire l’enorme memoria pubblica sono 621 dirigenti archivisti del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Un gruppo di esperti in via di estinzione. Come denuncia la deputata del gruppo Democrazia Solidale - Centro democratico Milena Santerini, il 94,6 per cento di loro ha più di cinquant’anni. Il 66,3 per cento supera i sessanta. Nel giro di pochi anni si saranno tutti ritirati dal lavoro. «La stragrande maggioranza - si legge in una interrogazione presentata pochi giorni fa a Montecitorio - guadagneranno il riposo lasciando a gestire uno dei patrimoni archivistici più preziosi al mondo i 29 funzionari che oggi hanno meno di cinquant’anni e i 4 che hanno meno di quarant’anni».

(continua nella sezione Rassegna stampa) Marco Sarti, Eticapa.it - Associazione Nuova Etica Pubblica, 19-IV-2017



I
l Calendario della Repubblica-Il Dovere della Memoria - XVII edizione

Per il Settantaduesimo Anniversario della Liberazione

dell’Italia dal nazifascismo

Gli studenti protagonisti della conoscenza:

incontri sul tema

Le donne nella Resistenza

Letture, musica, film


Mercoledì 26 aprile 2017

ore 9,30

Aula magna IIS “Luigi di Savoia” - via G. d’Aragona – Chieti

Intervento degli alunni

dell’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi di Savoia”

ore 17,00

Liceo Classico “G.B. Vico”- corso Marrucino – Chieti

Introduzione degli alunni

dell’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi di Savoia”

Proiezione del film L’Agnese va a morire

Presentazione di Roberto Leombroni - docente di storia e filosofia


A cura dell’Associazione Chieti nuova 3 febbraio, l’Unitre-Chieti, l’Archivio di Stato di Chieti, l’Istituto Tecnico “F. Galiani – R. de Sterlich”, il Liceo Classico “G. B. Vico”, l’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi di Savoia”, l’Istituto Professionale “U. Pomilio”

Invito, pag. 2:

Nel giugno del 1944, il Comitato nazionale dei Gruppi di Difesa della Donna inviò al Comando di Liberazione nazionale dell’Alta Italia una relazione sulla costituzione e sull’opera

dei gruppi di Difesa in cui si legge:

All’appello hanno risposto le donne italiane delle fabbriche e delle case, delle città e delle campagne riunendosi e lottando.

I Gruppi sono sorti e si sono sviluppati nei grandi come nei piccoli centri.

A Milano, nelle fabbriche, si contano ventiquattro Gruppi con circa due mila aderenti; un ugual numero esiste a Torino e a Genova.

[…] Sono sorti gruppi di contadine, di massaie, nelle case e nelle scuole; la loro azione viene coordinata dai Comitati femminili di città e di villaggio, regionali e provinciali, attorno alle direttive indicate dal Comitato nazionale.

Tiziana Bagnato, Il ruolo delle donne nella Resistenza-Lotta partigiana e inclusione nei partiti

www.instoria.it



Libere
: il film che parla della Resistenza vista dagli occhi delle donne

Il 20 aprile uscirà nelle sale di tutta Italia Libere, il nuovo docufilm scritto e diretto dalla regista Rossella Schillaci. Distribuito da Lab 80 film in occasione della festa della Liberazione, Libere è un racconto sull’emancipazione femminile durante la Resistenza, un ritratto di un’epoca apparentemente lontana che ha ancora molto da insegnarci.

Il documentario raccoglie storie di ogni genere: i momenti di battaglia, il rapporto delle donne partigiane con la società, frammenti di vita quotidiana.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Carmen Palma per MIfacciodiCultura



La democrazia senza morale

Per chiedersi quale significato possa essere attribuito oggi a parole come “onestà” e “corruzione" bisogna partire dall’articolo 54 della Costituzione, passare poi ad un detto di un giudice della Corte Suprema americana e ad un fulminante pensiero di Ennio Flaiano, per concludere registrando il fatale ritorno dell’accusa di moralismo a chi si ostina a ricordare che senza una forte moralità civile la stessa democrazia si perde.

(continua nella sezione Rassegna stampa) Stefano Rodotà

 


Associazione Nazionale Magistrati-Sez. Distrettuale Abruzzese

Associazione Chieti nuova 3 febbraio

XXIV Corso di Educazione alla Legalità nelle Scuole Secondarie di primo grado - a. s. 2016-2017


Scuole Medie di CHIETI

V. Antonelli; G. Chiarini-C. De Lollis; Convitto Nazionale “G. B. Vico

Giovedì 6 aprile 2017, ore 17.30

Auditorium Scuola Media G. Chiarini, via Quarantotti, 46

Chieti


Non cadere nella Rete-Internet e i diritti della persona

Incontro informativo per genitori, docenti, alunni

Interviene Roberto Leombroni, docente di storia e filosofia